Esplosione all’università di Kabul, almeno 6 morti

Bruno Cirelli
Luglio 21, 2019

Un ordigno ha causato un'esplosione violenta all'entrata dell'Università, dove si trovavano alcuni studenti in fila per sostenere un esame.

Nelle scorse settimane le forze di sicurezza afghane avevano arrestato tre persone, compreso un lettore dell'Università di Kabul, sospettati di legami con lo Stato Islamico nel reclutamento per il gruppo e l'ideazione di attacchi terroristici nella città.

Il luogo dell'esplosione, ovvero il complesso universitario, è spesso pieno di studenti anche d'estate, che soggiornano lì frequentando lezioni e facendo ricerche. Il portavoce della polizia Ferdous Faramarz ha specificato che due veicoli sono stati incendiati in seguito alla deflagrazione. Nessuno ha ancora rivendicato la responsabilità dell'esplosione, ma si presume possano essere stati i Taliban o i numerosi gruppi affiliati all'Isis attivi a Kabul. Almeno 12 persone erano morte e una novantina erano rimaste dopo l'esplosione di una autobomba contro il quartier generale della polizia a Kandahar, nel sud dell'Afghanistan. Al momento sembrano esserci 6 morti e una decina di feriti. Secondo fonti locali, dopo l'esplosione, i miliziani Taliban hanno attaccato il dipartimento anti-narcotici della polizia di Kandahar. Gli agenti hanno risposto ingaggiando un conflitto a fuoco che si è concluso con l'uccisione degli otto assalitori, ha precisato Firoz Bashari, capo del servizio stampa del governo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE