Sea Watch, la Procura in Cassazione contro la scarcerazione di Carola Rackete

Bruno Cirelli
Luglio 16, 2019

Intervistata dal giornale tedesco Bild, Carola ha affermato che i migranti "che si trovano in Libia devono immediatamente essere trasferiti in un Paese sicuro"."Ci sono mezzo milione di persone nelle mani dei contrabbandieri o nei campi profughi della Libia". Dobbiamo aiutarli immediatamente per un passaggio sicuro verso l'Europa.

Secondo l'interpretazione della gip Alessandra Vella, infatti, il decreto non può essere applicato a navi che hanno soccorso migranti e che dunque non possono essere considerate navi offensive per la sicurezza nazionale. Per Rackete l'Europa ha una responsabilità speciale nei confronti dell'Africa: "L'asilo non conosce limiti". "Il collasso del sistema climatico porterà a rifugiati dei cambiamenti climatici, che ovviamente dobbiamo assorbire - ha detto -". Senza contare, ha continuato la capitana, che la Germania e gli altri Stati del vecchio continente "hanno una responsabilità storica per la situazione attuale in Africa", risalente "all'era coloniale". Arriveremo a un punto in cui vi sarà una migrazione forzata da circostanze esterne come il clima. Le relazioni di potere di oggi sono state determinate dall'Europa. L'Europa sta sfruttando l'Africa, ed ecco la spirale che porta alla fuga.

Insieme a questa accusa, anche la resistenza a pubblico ufficiale, sempre per il gip, si era rivelata infondata in quanto la comandante avrebbe agito costretta e in adempimento di dovere. La legge dice che bisogna portare le persone in un porto sicuro e quel porto si chiama Lampedusa.

Contrariata dal fatto che tutto si sia focalizzato su di lei, ha sottolineato la esistenza di un grande numero di persone che aiutano i rifugiati in tutto il mondo, una risposta all'odio presente a destra della società. Salvini ha diffuso falsità e io voglio che le sue menzogne siano cancellate da Facebook e Twitter. E che un giudice gli ordini: "non farlo più".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE