Elezioni in Grecia, vittoria del centrodestra

Paterniano Del Favero
Luglio 9, 2019

A sostituirlo sarà il leader del partito conservatore di centrodestra Nuova Democrazia (ND), Kyriakos Mitsotakis.

Ha detto che il suo partito ora lavorerebbe per proteggere i diritti di lavorare i greci come "un'opposizione responsabile ma dinamica" al governo. Nuova Democrazia ha conquistato il 39,8% dei voti, staccando di quasi otto punti il partito di governo uscente, Syriza, che comunque ha raggiunto un ragguardevole 31,5%, risollevandosi dal 23 e rotti delle europee.

In Grecia si chiude l'era Syriza e torna al potere la destra. Con il 40,5% dei voti si ha la certezza di avere la maggioranza assoluta. Lo ha reso noto l'ufficio del premier uscente. E tuttavia per Mitsotakis non sara' certo una passeggiata: anche se la Grecia ha potuto lasciare lo schermo protettivo Ue allentando la stretta dei creditori, il debito pubblico rappresenta ancora il 181% del Pil, la disoccupazione generale e' di poco sotto il 20% mentre quella giovanile e' il doppio. Il partito di estrema destra Alba Dorata (XA), dopo un risultato deludente alle Europee, viene stimato intorno al 4%, mentre il Movimento per il Cambiamento (KINAL), in cui convivono lo storico PASOK e il Movimento dei Socialisti democratici fondato dall'ex premier Papandreou, si confermerebbe - come fu il 26 maggio - terzo partito del Paese con circa il 7% dei consensi. L'affluenza è stata molto alta e ha fatto la differenza. Grazie al premio di maggioranza, i conservatori di Mitsotakis si assicurano 158 seggi su 300.

E se Mitsotakis festeggia - per lui è arrivata una telefonata di congratulazioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan - Tsipras, dal canto suo, ottiene un risultato migliore di quello delle elezioni europee e amministrative e sicuramente sopra ai tanti sondaggi di queste settimane, anche considerando che nel 2015 Syriza prese il 35,5%: "I cittadini hanno scelto". Suo nipote Kostas Bakoyannis, figlio di Dora, e' il nuovo sindaco della capitale. Il nuovo leader ellenico si è rivolto principalmente al ceto medio, la parte della popolazione più penalizzata durante la crisi, promettendo una ripresa economica solida e sostenuta. La maggior parte dei membri dell'esecutivo sono fidati collaboratori di Mitsotakis, sottolinea il sito Ekhatimerini.

Tsipras ha detto che spera che il ritorno di New Democracy al governo "non porterà alla vendetta ... in particolare verso i risultati significativi per la protezione della maggioranza sociale e dei lavoratori". Le tre istituzioni coinvolte nel salvataggio della Grecia in questi ultimi anni hanno avuto il compito di monitorare il rispetto degli impegni sottoscritti dalla Grecia in cambio dei prestiti ricevuti per uscire dalla crisi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE