Putin a Roma: città blindata. Quali sono le zone off limits

Paterniano Del Favero
Luglio 7, 2019

Lo dice forte e chiaro (e non è una bella notzia), il presidente russo Vladimir Putin ha "contatti costanti con la Lega di Salvini". Da ambo le parti è stata espressa "soddisfazione per lo sviluppo delle relazioni bilaterali, ulteriormente rafforzatesi con la firma in data odierna di un protocollo di intesa riguardante la collaborazione tra l'Ospedale 'Bambino Gesù' e gli ospedali pediatrici della Federazione russa". In Russia sono rappresentate circa 500 aziende italiane. Nel "pacchetto" incluso anche il Documento di Abu Dhabi sulla fratellanza umana. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha condiviso con Putin la preoccupazione per quanto accade sul fronte Libico, dove è fondamentale, a detta del capo dello Stato, la presenza mediatrice dell'Onu.

Alla domanda su quali siano i rapporti tra la Lega e la Russia, Putin rivela candidamente che sono ottimi. I timori sono anche e soprattutto per il riemergere del terrorismo già sconfitto in Siria. Per questo mese di luglio, ha voluto indirizzare la preghiera attraverso un videomessaggio: "Preghiamo per tutti quelli che amministrano la giustizia perché operino con integrità e perché l'ingiustizia nel mondo non abbia l'ultima parola". Spiega infatti che i contatti con i partiti politici stranieri si reggono su fondamenta "inter-partitiche". Tra gli argomenti affrontati la Libia: serve "il cessate il fuoco", la Russia con l'Italia condivide l'obiettivo della "stabilizzazione", ha detto il presidente russo. "Con Putin siamo d'accordo sul fatto che queste soluzioni, per essere sostenibili, devono essere politiche".

Un incontro durato un'ora e mezza, quello fra Putin e Conte, giunto quasi al termine di una lunga giornata romana e caratterizzato dal pragmatismo italiano e dalle posizioni concilianti, ma ferme, da parte russa. Così il ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio parla della visita in Italia del presidente russo Vladimir Putin dal palco del Villaggio Contadino di Coldiretti a Milano. Dal canto suo Conte ha sottolineato come sulle sanzioni alla Russia, il governo italiano ha una "posizione molto lineare e continuerà ad averla: non riteniamo che siano un fine, ci aspettiamo che questo regime sia transitorio e l'Italia lavora perché si creino le premesse per il superamento di questo stato di rapporti tra Unione europea e la Russia, che non fa bene alla Russia, all'Unione europea e all'Italia".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE