Atalanta, Percassi: "La Champions è come andare a scuola"

Rufina Vignone
Luglio 7, 2019

Una Champions da giocare, un presidente che non vede l'ora di farlo. Stiamo imparando a muoverci e a vivere in una competizione inedita, alle porte c'è una stagione storica per un club come il nostro.

Tanto orgoglio: "Ormai non dobbiamo nemmeno presentarci - ha continuato - siamo visti come una realtà, non come una provinciale". Una battuta anche sul calciomercato: "Muriel è stato un acquisito straordinario e ce lo dicono tutti". Ma indipendentemente dal giudizio degli altri, noi ci i siamo andati decisi nonostante la sera si fosse fatto male. Pasalic, invece, ha voluto rimanere e col Chelsea, con cui siamo in ottimi rapporti, abbiamo trovato senza problemi l'accordo per il rinnovo del prestito. I migliori, Duvan Zapata in testa, restano all'Atalanta. "Vorrei che rimanesse anche Mancini, in ogni caso sarà rimpiazzato adeguatamente". Conclude Percassi: "La differenza con qualche anno fa è che adesso, dovendo scegliere tra due squadre, i giocatori scelgono noi perché siamo in Champions".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE