Entro il 15 luglio soluzione Alitalia, no a pregiudizi su Atlantia

Paterniano Del Favero
Luglio 5, 2019

L'offerta vincolante per Alitalia, dalla cordata formata da Fs, Mef e Delta arriverà entro il 15 luglio.

Uscendo dal ministero i sindacati hanno però espresso tutta la loro "delusione ed insoddisfazione" per un incontro semplicemente "interlocutorio" a cui hanno partecipato anche il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon e i tre commissari straordinari di Alitalia. Il ministro ha illustrato la situazione facendo presente che finora sono arrivate tre manifestazioni di interesse da parte di Toto, Lotito e Avianca. Si tratta naturalmente di un'ipotesi che dovrà essere confermata nelle prossime settimane. La composizione, a oggi, vede Ferrovie dello Stato al 35%, Delta tra il 10% e il 15%, il Mef attorno al 15% e di poco superiore alla compagnia americana. Il capitale della newco destinata a rilevare gli asset della compagnia di bandiera, con i soci attuali dovrebbe arrivare a un miliardo. Il vicepremier avrebbe quindi ripetuto come chi desideri presentare una offerta lo dovrà fare adesso e uscire allo scoperto.

E secondo indiscrezioni di stampa, Atlantia potrebbe ancora essere coinvolta nella partita su Alitalia, anche se la società ha sempre detto, attraverso il suo ad Giovanni Castellucci, di avere "tanti fronti aperti al momento che non possiamo pensare di impegnarci su un altro fronte così complesso come Alitalia". "Non esistono pregiudizi, ma non si accettano ricatti".

Il dossier Alitalia "il 15 luglio si chiude" e chi si vuole fare avanti lo deve fare ora.

I rappresentanti dei piloti e degli assistenti di volo delle associazioni Anpac, Anpav e Anp, in presidio davanti al Mise, confermano lo sciopero per il 26 luglio, mentre i sindacati confederali parlano di un incontro pressoché "inutile". "Occorrono risposte chiare sugli investimenti, sulle rotte e soprattutto sulla tutela del personale. L'unica è che il ministro ci ha comunicato che il 15 luglio è la data massima che hanno stabilito per la presentazione delle offerte di interesse, per tutto il resto ne sappiamo esattamente quanto ne sapevamo sette mesi fa".

"Non abbiamo compreso a che serviva questa riunione, bastava dirci venite il giorno 15 luglio - ha aggiunto il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo -".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE