Bollo auto: condono per chi non ha pagato dal 2000 al 2010

Paterniano Del Favero
Giugno 23, 2019

C'è tempo fino al 15 settembre 2019 per aderire alla procedura della "definizione agevolata delle ingiunzioni" e ottenere così uno sconto del 30% sulla somma complessivamente dovuta alla Regione.

Soddisfazione espressa anche da parte del Codacons: "Non ci saranno più sanzioni per i ritardatari, che decidono di mettersi in regola con il pagamento della tassa automobilistica".

L'importo totale dell'ingiunzione di pagamento è dato infatti dal sommarsi di tre componenti: l'importo originario del bollo auto o della tassa di concessione, l'importo della mora maturata nei mesi e, infine, l'importo della sanzione, della "penale" per il pagamento ritardato o mancato.

Proprio quest'ultimo è l'importo che viene abbuonato a chi sceglierà la definizione agevolata delle ingiunzioni, il tutto in linea con quanto previsto dal Governo.

E' stata infatti attribuita alle Regioni la discrezionalità in materia di bollo, compresa la possibilità di poter introdurre delle esenzioni fiscali ed in contestuale vincolo di non aumentare l'importo del bollo oltre i limiti già fissati dal legislatore.

Entro il 15 settembre 2019 sarà possibile pagare i tributi regionali, tassa auto e tasse di concessione, oggetto di ingiunzione per il 2013 e 2014 o comunque notificate entro il 31 dicembre 2017 risparmiando le sanzioni pari al 30% del tributo.

Sono oltre 400mila (per un ammontare complessivo di circa ai 90 milioni di euro) le ingiunzioni che possono beneficiare dello sconto e nella maggioranza dei casi si tratta di ingiunzioni relative al bollo auto.

Per la fine di luglio gli interessati riceveranno un sollecito di pagamento, o da Publiservizi Srl o dalla stessa Regione Lombardia.

La cifra da pagare verrà fatta sapere entro il 31 ottobre e dovrà essere risolta in un'unica soluzione entro il 30 novembre. "Ricordiamo, ragionando più in generale - conclude l'assessore Caparini - che è sempre possibile versare il bollo auto con la domiciliazione bancaria: risparmi il 10% dell'importo (piu' di un mese gratis) e non rischi di incorrere in sanzioni perché ti sei dimenticato di pagare". La rata minima prevista è di 50 euro e l'interesse richiesto è del 2% annuo calcolato a partire dal primo dicembre 2019. La Corte di Cassazione, inoltre, ha precisato che lo stralcio non riguarda direttamente il bollo, ma la cartella esattoriale emessa a seguito del mancato versamento del pagamento.La sanatoria riguarda anche coloro che hanno in corso un contenzioso col fisco o hanno avviato ricorso avverso la richiesta di pagamento del bollo auto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE