Adidas perde la battaglia del marchio con le 3 righe

Paterniano Del Favero
Giugno 20, 2019

Com'è scontato, dopo la sentenza del Tribunale dell'Unione europea che conferma la decisione di annullamento respingendo, parallelamente, il ricorso introdotto dall'Adidas contro la decisione dell'Ufficio per la proprietà intellettuale, il titolo di Adidas in Borsa a Francoforte ha ceduto, arrivando all'1,3% a 270 euro. I giudici sostengono che il "marchio in causa non costituisce un marchio a motivi, che consisterebbe in una serie di elementi che si ripetono regolarmente, ma un marchio figurativo ordinario". Due anni dopo l'Euipo aveva annullato la registrazione del marchio di Adidas, ritenendo il marchio con le tre strisce "privo di qualsiasi carattere distintivo sia intrinseco sia acquisito in seguito all'uso".

Roma, 19 giu - Nullità del marchio dell'Adidas: le iconiche tre strisce che da sempre contrassegnano il marchio fondato da Adi Dassler, secondo il Tribunale dell'Unione Europea, sarebbero da ritenersi troppo vaghe. Secondo il Tribunale "le forme di uso che si allontanano dalle caratteristiche essenziali del marchio, come il suo schema di colori (strisce nere su fondo bianco), non possono essere prese in considerazione".

Adesso, tre anni dopo, la questione iniziata nel 2016 si chiude con una sentenza che non lascia spazio ad altre interpretazioni: il marchio Adidas è nullo.

Nella "guerra delle strisce" il Tribunale dell'Unione europea ha messo l'Adidas in fuorigioco, confermando la pronuncia dell'Ufficio dell'Ue per la proprietà intellettuale che aveva affermato, nel 2016, la nullità del marchio costituito da 3 strisce parallele, divise dalla stessa distanza, applicate sul prodotto in qualsiasi direzione.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE