Valanga travolge alpinisti vicentini Bellò è tra i feriti

Bruno Cirelli
Giugno 18, 2019

Della spedizione facevano parte anche tre pachistani: Nadeem, Shakeel e Imtiaz, quest'ultimo l'unica vittima.

Una spedizione italiana travolta a quota 5.300 da una valanga mentre tentava la salita di una montagna di 5.800 metri in una zona poco frequentata del Pakistan, la Ishkoman Valley.

L'incidente, riferiscono soccorritori pakistani, è avvenuto nelle prime ore del mattino, a quota 5.300 metri nella valle di Ishkoman, nel distretto di Ghizer. Gli alpinisti con gli elicotteri dell'aviazione militare pachistana dovrebbero essere trasportati all'ospedale militare Cmh di Gilgit. L'esercito locale sta organizzando una missione di soccorso che però, a quanto emerso, non partirà prima di domani a causa delle condizioni meteo e della lontananza della base dal luogo dell'incidente che ha coinvolto i nostri connazionali.

"Sono stati salvati tutti e stanno raggiungendo il primo centro abitato della valle", ha detto all'Ansa Isabella Bellò, moglie di Tarcisio Bellò, il 57enne capo spedizione.

Tutti veneti gli alpinisti italiani: Tarcisio Bellò (che nell'incidente ha riportato la frattura di una caviglia e altre lesioni), Luca Morellato, David Bergamin e Tino Toldo. Proprio a lui e all'amico Daniele Nardi, morto a febbraio insieme a Tom Ballard sul Nanga Parbat nel tentativo di conquistare lo Sperone Mummery, sarebbe stata dedicata l'impresa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE