L’immagine di Laura Pausini usata per una pubblicità fake

Ausiliatrice Cristiano
Giugno 14, 2019

Laura Pausini furiosa contro certe aziende che la usano per scopi a lei ignari.

Molti fan le stanno segnalando, in questi mesi, pubblicità che la vedono protagonista: "Come molti di voi da mesi mi segnalano, sul web e sui social network continuano a circolare molti annunci pubblicitari ingannevoli, che sfruttano indebitamente e senza la mia autorizzazione la mia immagine per promuovere diete dimagranti".

Questa volta è toccato a Laura Pausini che non è rimasta in silenzio davanti all'affronto ricevuto. Ha pubblicato anche uno screen in cui c'è una sua foto con una didascalia con delle dichiarazioni virgolettate, dichiarazioni che lei non ha mai rilasciato anche perché non segue queste diete. Sono pubblicità ingannevoli che hanno usato la sua immagine per avvicinare le persone ad alcuni metodi per dimagrire. Eppure, Laura Pausini si è trovata a scrivere un lungo post su Facebook contro chi sfrutta la sua immagine per pubblicizzare finte diete online. Su alcune addirittura mi virgolettano frasi che non ho mai letto. "Non ho mai autorizzato nessuno di questi utilizzi pubblicitari e i miei legali si stanno quotidianamente adoperando per farli rimuovere dal web e per denunciare i soggetti responsabili". Si lancia in un ultimo monito chiedendo al suo pubblico di non credere a quello che trovano sul web soprattutto se riguarda argomenti delicati come questo. "Non è semplice, ma andremo a scovarli uno per uno" ha scritto la cantante che già lo scorso anno aveva adito le vie legali per proteggersi da chi usava la sua immagine e il suo nome senza consenso. E conclude: "State attenti".

Nel post si legge ancora: "3".

Quindi si rivolge direttamente a chi si è sentito attratto dall'annuncio: "Come tantissime di noi, anch'io ho fatto delle diete e oggi so una cosa sola: non consiglierei mai a nessuna donna di iniziare una dieta, qualunque sia, senza il necessario controllo medico".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE