I drammi di Keanu Reeves, un attore "troppo buono per questo mondo"

Ausiliatrice Cristiano
Giugno 14, 2019

L'affascinante attore libanese è stato immortalato dalla pagina Facebook "Unprofessional Madman" che ha pubblicato degli scatti che lo mostrano assieme a delle fan. Si avvicina ma non poggia mai le mani sui fianchi o sulla vita. Che sia per furbizia (I "troppo buoni per questo mondo" - così ha titolato il New Yorker un articolo di elogio di Reeves - sanno sempre con quali fuochi non scherzare) o per adesione convinta alle nuove istanze del vivere civile, tutte ottemperanti alle ferree regole del #metoo, o per banale sprezzo di qualsiasi corpo umano che non sia il proprio (sentimento mistico e sensuale che basta metter piede in una palestra scolastica per provare), Keanu è diventato un modello.

Inoltre Keanu Reeves è balzato agli onori della cronaca perché nel nuovo film animato Toy Story 4, che ha un cast ricchissimo di voci famose, troviamo proprio anche la sua che interpreterà un personaggio nuovo. All'età di tredici anni è stato abbandonato da suo padre e al liceo ha dovuto fare i conti con la dislessia ha non gli ha permesso di riuscire a prendere il diploma.

La sorella a cui Keanu è molto legato è affetta da leucemia. Non solo l'uomo ha dovuto affrontare la dura sofferenza della scomparsa di un amico conosciuto sul set e della sua compagna Jennifer Syme dalla quale aspettava un bambino. "È per evitare dei trasferimenti di energia con persone che non conosce". Altri ancora, invece, pensano che ci sia un motivo più pratico: "Lui si comporta intelligentemente perché sa che potrebbe finire nel mirino delle femministe".

Più tardi Keanu Reeves è stato protagonista di un simpatico siparietto nel corso di una breve intervento ai microfoni di Entertainment Weekly, quando l'intervistatrice gli ha fatto notare di essere diventato "il fidanzato di internet".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE