Salvare l'accordo sul nucleare: Il Ministro degli Esteri tedesco in Iran

Bruno Cirelli
Giugno 12, 2019

"Gli europei e gli altri firmatari dovrebbero normalizzare i legami economici con l'Iran, altrimenti sospenderemo i nostri impegni o intraprenderemo verso i paesi europei azioni analoghe alle loro". Va ricordato, a questo proposito, che mentre gli Stati Uniti si sono ritirati dall'accordo e hanno ripristinato le proprie sanzioni, i firmatari europei, ovvero Francia, Regno Unito e Germania, rimangono nell'accordo ma condividono le stesse preoccupazioni degli Usa riguardo al programma iraniano sui missili balistici.

Mousavi ha inoltre sottolineato che l'appello fatto dagli Usa affinché si svolgessero dei negoziati, è stato fatto soltanto per l'opinione pubblica ed ha accusato l'amministrazione american di compiere "terrorismo economico". E oggi l'Aiea (Agenzia internazionale per l'energia atomica) ha riferito che l'Iran sta accelerando il suo programma nucleare. Posizione sostenuta anche dall'Unione Europea, attraverso l'Alto rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, Federica Mogherini.

A gennaio, l'UE ha annunciato l'istituzione di un canale di pagamento, noto come lo strumento a sostegno delle borse commerciali (INSTEX), per garantire il commercio con l'Iran e coprire le sanzioni anti-iraniane degli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha legato le tensioni in Medio Oriente con la guerra economica degli Stati Uniti contro l'Iran. Il presidente del Parlamento Larijiani in tal senso se la prende col governo francese: "Macron vede Trump e ci attacca, ma al telefono con Rouhani aveva detto altre cose". In ogni caso, a perderci di più saranno proprio i paesi europei.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE