Il Governo va avanti. Salvini e Di Maio uniti contro Conte

Paterniano Del Favero
Giugno 11, 2019

Il vertice è andato "bene". "Non ci sarà nessuna manovra correttiva e nessun aumento di tasse" ha dichiarato il Ministro dell'Interno Salvini dopo l'incontro durato circa tre ore. Tanto che, raccontano a caldo fonti ben informate, quando si arriva a discutere su come trattare con Bruxelles il dialogo si stoppa e le posizioni restano invariate: il premier continua a perorare la necessità di fare "tutto il possibile" per "salvare i risparmi degli italiani" da una posizione che, anche a Palazzo Chigi, descrivono come sfavorevole negli equilibri europei.

A riportare serenità nella maggioranza, probabilmente, ha contribuito la lunga riunione della scorsa notte che a detta dello stesso Di Maio si sarebbe svolta in "un clima positivo di chi vuole lavorare al massimo per l'Italia". "Il primo obiettivo e la priorità in questo momento è abbassare le tasse e lavoreremo per questo", ha detto Di Maio.

Intanto, la nota con cui Palazzo Chigi ha fatto sapere che nella riunione "è stata operata una ricognizione delle questioni più urgenti e delle iniziative necessarie a rilanciare l'azione di governo per il resto della legislatura", conclude facendo sapere che "il presidente e i vicepresidenti torneranno a riunirsi nei prossimi giorni per completare il piano di azione da perseguire sino alla fine della legislatura". "Il confronto - viene spiegato - è stato aperto e molto concreto".

Il vicepremier ha spiegato che il vertice di questa sera "sarà finalizzato ad organizzare l'agenda di lavoro per i prossimi mesi e i prossimi anni che, credo siamo tutti d'accordo, avranno al centro il lavoro, la battaglia per diminuire il tasso di disoccupazione". Da Palazzo Chigi, riporta ANSA, è arrivata invece la conferma di un incontro strategico per delineare la posizione dell'Italia in Europa. Nel corso del vertice, si legge, "si è concordato di portare domani in Consiglio dei ministri il decreto sicurezza bis, considerato che su di esso era già stata anticipata dal Presidente la disponibilità a portarlo all'esame del primo Consiglio utile, nella versione da ultimo concordata proprio a ridosso della consultazione elettorale europea". "Si è altresì concordato di accelerare sulla proposta legislativa sul salario minimo attualmente in discussione presso la competente commissione al Senato".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE