Camorra: arrestato in Marocco latitante del clan Polverino

Bruno Cirelli
Giugno 1, 2019

È stato catturato dal personale della polizia marocchina con il supporto del servizio di cooperazione internazionale.

Raffaele Vallefuoco, latitante, nella lista dei 50 più pericolosi ricercati italiani, è stato arrestato in Marocco.

Il 55enne è accusato di associazione camorristica: secondo le accuse sarebbe affiliato al clan Polverino. E' stato arrestato a Skirhat, nel nord del Paese, nella regione di Rabat, grazie alla collaborazione tra Interpol e Dsgt, gli 007 del Marocco. "In quella occasione era stato scovato in una villa di Jerez de la Frontera, in Spagna: "insieme a lui c'era anche il boss Giuseppe Polverino, soprannominato "'o Barone", considerato uno dei principali trafficanti di droga in Italia. L'uomo si era reso irreperibile nel 2014 dopo una condanna a 29 anni di reclusione per i reati di associazione di tipo mafioso e associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Di lì a due mesi l'estradizione e il processo. Del 55enne si persero di nuovo le tracce. Poco tempo fa era finito in manette proprio in Marocco un altro malommo di calibro che si era dato alla latitanza fra i datteri: Antonio Prinno, colonnello dei Misso-Mazzarella di Napoli centro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE