Pensioni, a giugno conguaglio e taglio alle pensioni d'oro

Paterniano Del Favero
Mag 23, 2019

Un Giugno di fuoco per alcuni pensionati che dovranno far fronte ad un doppio colpo.

(Teleborsa) - Confermato a giugno il via libera al taglio delle "pensioni d'oro". A darne notizia l'Inps che in comunicato pubblicato sul sito ha scritto: "Nel mese di giugno 2019 viene recuperata la differenza relativa al periodo gennaio-marzo 2019".

Da giugno scatterà il conguaglio conseguente al taglio della rivalutazione annuale delle pensioni per il 2019, previsto dall'ultima legge di Bilancio per i trattamenti sopra tre volte il minimo (1.522 euro al mese) e applicato da aprile. Attacca il sindacato dei pensionati della Cgil: "Il governo si riprende 100 milioni di euro dopo le elezioni Europee". Sulle pensioni fino a 2mila euro al mese la trattenuta non arriverà a un euro. In pratica, una parte dei pensionati si vedrà trattenere somme indebitamente erogate nei mesi scorsi.

Per gli assegni tra tre e quattro volte il minimo la rivalutazione però è più generosa adesso: per esempio chi riceve 1.800 euro lordi avrà diritto a un aumento di 19 euro al mese, mentre se fosse tornata in vigore la legge del 2000 l'incremento per questa fascia si sarebbe fermato a meno di 18 euro. Trattamenti che vengono ridotti di un'aliquota percentuale in proporzione agli importi. Chi prende 1.800 euro riceverà un mini bonus di 4,2 euro. La Legge di Bilancio 2019, prevede infatti, a decorrere dal primo gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2023, la riduzione delle pensioni di importo complessivamente superiore a 100.000 euro lordi l'anno. Secondo quanto riportato da "La Repubblica": "In manovra dall'intervento sulle pensioni superiori ai 100 mila euro è stato previsto un risparmio di 76 milioni di euro nel 2019, 80 milioni nel 2020 e 83 milioni nel 2021".

Immediata la replica del segretario generale dello Spi-Cgil, Ivan Pedretti, al conguaglio della perequazione indicato dall'Inps a giugno: "Lo avevamo denunciato da tempo e ora abbiamo la certezza".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE