E' morto Niki Lauda, la F1 perde una leggenda

Bruno Cirelli
Mag 21, 2019

È morto a 70 anni Niki Lauda, l'ex pilota austriaco leggenda della Formula 1 e tre volte campione del mondo.

"Con profonda tristezza, annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia lunedì scorso".

"I suoi risultati unici come atleta e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l'azione, la sua schiettezza e il suo coraggio".

"Sarà un modello di riferimento per tutti noi; lontano dalle telecamere era un marito, padre e nonno amorevole e premuroso".

Niki Lauda era stato ricoverato presso una clinica privata in Svizzera per problemi ai reni, sottoponendosi ad un trattamento di dialisi necessario per migliorare le proprie condizioni che si erano aggravate.

Potremmo inserire la sua data di nascita vera, 22 febbriaio 1949, ma il suo vero battesimo avvenne nel 1975, quando per la prima volta vinse il campionato del mondo della Formula 1 a bordo della Ferrari. Ha inoltre lavorato come dirigente sportivo e imprenditore, fondando due compagnie aeree (Lauda Air e Niki). Terribile l'impatto sul tracciato del Nurburgring, in Germania.

"Oggi è un giorno triste per la Formula 1 - scrive la Ferrari - apprendiamo con profonda tristezza la notizia della morte dell'amico Niki Lauda". L'anno dopo il secondo titolo, poi la rottura con Maranello. L'epilogo con la Rossa, però, fu amarissimo: il rapporto con i vertici della scuderia era ormai logoro e nelle ultime due gare Lauda, già campione, non scese nemmeno in pista dando così l'addio ai colori che lo avevano reso famoso. La passione per il mondo dei motori, però, rimase intatta anche dopo il ritiro dalle scene e, nel 2014, dopo aver avuto ruoli di consulenza per Ferrari e Jaguar ed essere stato commentatore televisivo, accetta la corte della Mercedes della quale diventa presidente non esecutivo.

Una vita, quella vissuta da Niki Lauda, che non è stata di certo rose e fiori.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE