Ue, Merkel: Salvini mai nel Ppe, sui migranti approcci diversi

Bruno Cirelli
Mag 20, 2019

"No": e' cosi' che l'ex "ragazza dell'est" risponde ai giornalisti sull'ipotetica possibilità che il ministro dell'Interni porti il Carroccio porti tra le braccia del Ppe, con l'appoggio del premier ungherese Viktor Orban.

È ovvio che abbiamo vedute differenti su temi come le politiche migratorie.

La Merkel ha quindi specificato come non ci sarà mai spazio per un'intesa con la Lega mentre anche Orban, presente nell'ultima legislatura all'interno del PPE, sarebbe ormai prossimo all'abbandono dei Popolari visto l'ostracismo dei tedeschi. "Già questo è un motivo per cui il Ppe non si aprirà al partito del signor Salvini", spiega Merkel in un'intervista concessa alla Sueddeutsche Zeitung.

Nuovi Paesi nell'UeInfine, la Merkel spiega la sua opinione riguardo a nuove possibili adesioni nell'Unione europea come quella, di cui si discute da tempo, della Turchia: "Io ho sempre detto che non intravedo una piena adesione della Turchia. Il Ppe deciderà a tempo debito". "Spero che l'Italia trovi finalmente una strada per una crescita maggiore", auspica la cancelliera.

Non si è fatta attendere la risposta di Matteo Salvini: "Siamo noi che non vogliamo avere nulla a che fare con la Merkel, con Macron e con chi ha rovinato questa Unione europea. Nessuno nell'eurozona può andare avanti in modo indipendente o restando isolato", sottolinea Merkel. Quel che è certo, è che Manfred Weber nell'elezione a presidente della Commissione non si renderà dipendente dai voti di questi partiti. In ogni caso, queste sono elezioni cruciali, ha ricordato la cancelliera:"Sono certamente elezioni importanti, speciali. I valori politici in molti punti sono diversi, eppure vi sono interessi comuni; pensiamo solo alla Siria e alla lotta al terrorismo islamico".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE