Ferito durante lite in famiglia poi muore, interrogata la figlia - Lazio

Bruno Cirelli
Mag 20, 2019

La giovane ora si trova all'interno della Caserma dei Carabinieri e la sua posizione viene esaminata dalla Procura della Repubblica di Tivoli. L'uomo, subito soccorso dalle donne e dalla stessa figlia, che intanto aveva chiesto aiuto alle persone intervenute, è stato condotto in ospedale, dove dopo poco moriva. Il fatto è avvenuto nelle prime ore di domenica 19 maggio a Monterotondo Scalo, frazione del comune di Monterotondo in provincia di Roma.

Nel probabile tentativo di difendersi, la 19enne Deborah ha infatti estratto un piccolo coltello che aveva con se, colpendo il genitore con un unico fendente alla testa.

All'alba di ieri, domenica 19 maggio, Sciacquatori, ubriaco, è tornato a casa e ha cominciato a inveire e a insultare la moglie. In casa sarebbe arrivata anche la sorella dell'uomo, a sua volta insultata.

Le quattro donne, intorno alle otto, avrebbero deciso di scappare per paura di subire più gravi conseguenze. Appena varcato il portone sono state raggiunte dal 41enne che strattonando violentemente l'anziana madre, le invitava a rientrare a casa.

Di fronte alla loro opposizione l'uomo avrebbe aggredito e picchiato la compagna e così la figlia, appassionata di boxe, l'ha difesa, ne è nata una colluttazione in cui è rimasto ferito.

Allertati, sul posto sono giunti i Carabinieri che hanno rinvenuto un coltello certamente in possesso della ragazza, che lo aveva portato con sé perché impaurita dalla condotta del padre. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Monterotondo coordinati dalla Procura di Tivoli, guidata da Francesco Menditto. A denunciare l'uomo era stata sua moglie stanca delle continue violenze subite. Sull'uomo, anche se noto per essere alcolista e violento, non esistevano denunce pendenti. Il pm di turno, d'intesa con il procuratore, ha disposto che la ragazza rimanga a disposizione della Procura.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE