Austria, cade governo Kurz: si dimettono tutti i ministri dell’ultradestra di Fpö

Bruno Cirelli
Mag 20, 2019

In mattinata il cancelliere ha tenuto una conferenza stampa per commentare i recenti sviluppi: "Siamo rimasti profondamente scossi dal video, ma anche dalle reazioni della Fpoe", ha detto Kurz.

Migliaia i cittadini austriaci che per tutto il giorno sulla piazza Ballhaus a Vienna hanno manifestato per chiedere nuove elezioni. Il vicecancelliere dell'Austria e leader del partito ultra-nazionalista, Heinz-Christian Strache, secondo l'agenzia austriaca APA, si riunirà con il cancelliere e leader del partito conservatore Partito Popolare (OVP), Sebastian Kurz, alle 11 nella sede del governo.

Una volta motivo della disputa è stato il gruppo Identitäre Bewegung Österreich, che propugna l' omogeneità etnica dell' Austria, e che alla fine Strache è stato costretto ad espellere dopo che si è scoperto che uno degli esponenti di spicco, l' ex neonazista Martin Sellner, aveva forse ricevuto somme di denaro da Brenton Tarrant, l' attentatore di Christchurch.

"Non ci sono alternative: con la Fpoe una collaborazione è impossibile, perché quando è troppo è troppo". In una dichiarazione alla stampa, Strache ha parlato intanto di un "attentato politico mirato", di un "lavoro su commissione", ha tirato in ballo presunti servizi segreti e forze oscure che avrebbero cospirato per cacciarlo. Strache e il suo partito, il "populista" Fpö, sono stati colpiti e affondati da un video "svelato" dalle due testate tedesche di sinistra più diffuse, lo Spiegel e la Süddeutsche Zeitung. Prima delfino di Haider, poi cancelliere in pectore. Da segnalare anche che nel video - risalente al luglio 2017, poco prima delle politiche austriache dell'ottobre di quell'anno - Strache parla di "pochi ricchi" che investiranno nella campagna elettorale della Fpö, e fa i nomi - tra gli altri - dell'imprenditore René Benko.

Il giovane odontotecnico viennese, classe 1969, cresce nella Fpoe sotto le ali protettive di Jeorg Haider. Circola anche una foto del giovane Strache durante una sorta di esercitazione paramilitare. La pace sarà fatta solo dieci anni dopo la morte dello storico leader della destra austriaca, quando Strache riceverà il premio Jeorg Haider. Il sogno viene però infranto da Sebastian Kurz che, nel maggio del 2017, assume la guida della Oevp, che in pochissime settimane porta i popolari dalla terza posizione in testa ai sondaggi.

Kurz batte Strache proprio con i suoi punti forti: la giovane età e il linguaggio smart e diretto, scippandogli i temi della sicurezza e della immigrazione. Si tratta di Aljona Makarowa, sedicente nipote di un ricco oligarca russo vicino al presidente russo Vladimir Putin. Dalla pubblicazione del video tranello che inchioda Heinz Christian Strache, vice cancelliere e leader dell'estrema destra Fpoe, colto all'interno di un appartamento di Ibiza a parlare di come favore aziende russe per importanti commesse, all'annuncio di elezioni anticipate. Non è chiaro chi abbia organizzato l'apparente trappola e chi abbia registrato di nascosto le sei ore dell'incontro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE