Amazon piglia tutto: $575 milioni in Deliveroo. Nuovo affronto a Uber?

Paterniano Del Favero
Mag 20, 2019

Grazie al finanziamento di Amazon e di altre società, Deliveroo procederà con l'ampliamento e il miglioramento del servizio offerto, sia per quanto riguarda il lavoro sul campo, ossia le consegne, che per quanto riguarda lo sviluppo tecnologico.

L'investimento di Amazon va ad aggiungersi a quelli di T. Rowe Price, Fidelity Management e Reserach Company e Greenoasks, per un totale di 1,53 miliardi di Dollari. La piattaforma intende utilizzare questo capitale per assumere nuovo personale, specialmente per l'ufficio di Londra, sede centrale dell'Azienda. La partecipazione del colosso di Jeff Bezos all'operazione però è tutt'altro che simbolica, e consente ad Amazon di mantenere una presenza in un ambito - quello della consegna di cibo in Europa - nel quale potrebbe avere un interesse molto concreto. Solo in Italia, Deliveroo collabora con 7.500 rider a cui offre opportunità di collaborazione. Lo ha reso noto la società britannica di consegne. L'investimento è di 575 milioni di dollari. Questa collaborazione tra le due aziende porterà a grandissimi risultati e, probabilmente, a grandi rivoluzioni.

Ma perché Amazon è così interessata al food delivery? Ad annunciarlo è stata la stessa Deliveroo in una nota, specificando come con il finanziamento di oggi il gruppo guidato da Jeff Bezos si sia piazzato in testa alla classifica di soggetti che più hanno investito nel gruppo.

Deliveroo, infatti, ha aperto il suo primo ristorante a Hong Kong, cui dovrebbe seguire una seconda attività anche a Singapore.

Una scelta che si inserisce in un più ampio progetto aziendale che guarda all'espansione del proprio business per resistere in un mercato che diventa sempre più competitivo.

"Amazon è stato un'ispirazione per me e per la società, siamo impazienti di lavorare con un'organizzazione con una tale ossessione per il cliente", ha dichiarato il fondatore e ceo di Deliveroo, Will Shu.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE