Si dividono le strade di Allegri e della Juventus

Rufina Vignone
Mag 18, 2019

Questo ed altro ha convinto la società della Juventus che l'avventura sula panchina bianconera di Max Allegri sia finita. Non è stato facile gestire le risorse, anche dal punto di vista umano. Nonostante 11 trofei conquistati in 5 anni, non piaceva.

"Facciamo un bell'allenamento, domenica dovremo far bene perché ci sarà l'addio di Andrea allo Stadium. e anche il mio.". L'ex Borussia Dortmund, è uno dei più apprezzati per il gioco spumeggiante espresso dalle sue squadre.

Massimiliano Allegri, stando alle indiscrezioni rilanciate da Sky Sport, vorrebbe una rivoluzione profonda della rosa, mentre la società non sarebbe dello stesso parere.

E' la fine di un ciclo per la Juventus. È un allenatore che a me piace molto, ha scritto pagine importanti.

Si sa solo che non sono bastati tre incontri al vertice per trovare l'accordo. Nella lista dei papabili trovano posto anche Pep Guardiola (in forze al Manchester City), Mauricio Pochettino (prossimo finalista in Champions League col Tottenham) e Didier Deschamps (vecchia conoscenza della panchina juventina).

La notizia ufficiale è giunta oggi: Massimiliano Allegri lascia la Juventus.

La decisione dell'esonero piomba in casa Juve come un fulmine a ciel sereno, anche se dopo l'ufficialità il titolo bianconero è cresciuto in Borsa del 2%. Certo, la Juventus non ha più nulla da giocarsi e ha già, da tempo, la testa proiettata verso il futuro.

Su cosa si siamo detti i due non ci sono certezze. Agnelli è, come detto altre volte, neutro-freddo nei suoi confronti mentre Antonio Giraudo è nettamente contro: nella sua visione del mondo un allenatore o un dirigente che esce dall'ortodossia del club non può più tornarci.

La parte più interessante è però il motivo del precipitare di un rapporto già logoro fra Allegri e la Juventus, senza che nessuno dei due abbia già un futuro apparecchiato. Da verificare restano ancora le condizioni e gli accordi da prendere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE