Coppa Italia. Grande notte all'Olimpico e festa per le strade della Capitale

Rufina Vignone
Mag 18, 2019

C'è qualcosa di squallido e di profondamente ingiusto nel triste epilogo della finale di Coppa Italia 2019. L'Olimpico esplode. Gasperini tenta il tutto per tutto: triplo cambio all'84°, dentro Barrow, Pasalic e Gosens per cercare l'attacco finale. La squadra bergamasca è stata sconfitta per 2-0 dalla Lazio allo Stadio Olimpico, grazie alle reti nel finale di partita di Milinkovic - Savic e Correa. In piazzale di Ponte Milvio a terra ci sono pezzi di bottiglie, pietre, cassonetti e pali segnaletici. Prima il rigore non dato nel primo tempo, poi il gol da corner: "il fallo da rigore è molto grave". Abbiamo assistito ad una stagione di rigore e rigorini assurdi, in cui non abbiamo mai detto niente.

Quindi hanno pubblicato una immagine che fa riferimento alla voglia dei tifosi della Roma di vincere nuovamente la Coppa Italia e all'assenza di trofei nuovi nella bacheca della società giallorossa da oltre dieci anni. Fare questo all'Atalanta è vergognoso, toglie credibilità al VAR. Quella è una palla che va dentro, il braccio la devia sul palo: non vederla e non usare la tecnologia è gravissimo. Se succede a una grande squadra si grida allo scandalo. Si chiama Manuale di servizi al cittadino della polizia locale nel quale è scritto che i servizi a pagamento per l'uso dei vigili urbani possono essere richiesti agli "organizzatori di eventi di carattere economico che abbiano particolare impatto sul sistema della mobilità e della viabilità cittadina". Ma così, con questo numero da delirio collettivo, mai. Ma devono spiegarci questa scelta. In un video, ripreso dalla moglie dell'allenatore della Lazio, si vede il presidente Lotito avvicinarsi ad Inzaghi e spiegare al tecnico di averlo mandato a quel paese per via di un disputa sul rigore non concesso ai bergamaschi per un fallo di mano commesso da Bastos. Voglio fare i complimenti alla Lazio e ai nostri tifosi, i veri vincitori. "Non ci fosse il VAR potrei giustificarlo, ma con il VAR no". La cornice dei 60 mila spettatori però regala la degna festa che ci si augurava alla vigilia, la gara sul campo non è da meno anche se aggressiva (7 ammoniti totali).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE