WhatsApp, fate attenzione, un virus può infettare il cellulare

Geronimo Vena
Mag 15, 2019

La società ha confermato al Financial Times che da lunedì 13 maggio è stata rilasciata una nuova versione della app e invita quindi il miliardo e mezzo di utenti ad aggiornare i propri smartphone, mantenendo aggiornato anche il sistema operativo come misura di protezione. Il software in questione si chiama Pegasus, l'ha sviluppato l'azienda israeliana specializzata in cybersorveglianza NSO e non è la prima volta che finisce sotto i riflettori. WhatsApp ha ammesso di aver subito un attacco hacker e la vicenda ha tutti i tratti della più allarmante spy story: il virus iniettato negli smartphone è stato in grado di accedere a fotocamera, microfono, chiamate, chat criptate, a tutti i sistemi operativi insomma, senza lasciare traccia. Nel caso di specie lo spyware per WhatsApp sarebbe stato utilizzato per spiare individui che in tutto il mondo si battono per la difesa dei diritti civili.

Come consigliato dalla società, gli utenti dovrebbero mantenere sempre aggiornate le proprie applicazioni per evitare situazioni come quella appena descritta.

Da parte di Whatsapp non sono arrivate informazioni sul numero di utenti colpiti, ma assicura che le vittime sono state scelte con accuratezza, il che scongiura l'ipotesi che porta ad un attacco su larga scala. Ricevendo una chiamata all'interno dell'applicazione, anche senza rispondere, il malware è in grado prendere controllo di dati sensibili e intercettare chiamate e messaggi. Gli hacker sfruttavano una falla presente nella funzione chiamate di WhatsApp: ai pirati informatici non serviva nemmeno che la persona rispondesse, ma bastava far partire la telefonata per infettare il dispositivo.

Il problema, spiega la compagnia, riguarda la app di WhatsApp sia per Android che per iOs che per Tizen, il sistema operativo open source per i dispositivi mobili.

Ad ogni il consiglio, come già anticipato, è quello di correre ad aggiornare WhatsApp per risolvere la falla e dormire sonni tranquilli.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE