Tangenti a college Usa, Felicity Huffman ammette: pagai per mia figlia

Ausiliatrice Cristiano
Mag 14, 2019

Le autorità dovrebbero chiedere contro Huffman quattro mesi di carcere e una multa da 20mila dollari. I magistrati hanno dichiarato che l'indagine è ancora in corso.

La Huffman, comparsa in tribunale in compagnia del fratello, senza trucco e dimessa, si è scusata sostenendo che la figlia era all'oscuro di quello che faceva e ha dichiarato che accetterà le conseguenze.

Circa venti persone finora si sono dichiarate colpevoli da quando i funzionari hanno effettuato l'ondata di arresti sotto il nome in codice "Operation Varsity Blues". I soldi venivano usati per corrompere i coach, in particolare di calcio, tennis e pallavolo, e indurli a reclutare i rampolli di famiglie ricche come atleti anche se non avevano capacità sportive: le mazzette (che andavano da poche migliaia di dollari fino a sei milioni) venivano usate anche per cambiare i risultati dei test o per farli fare a "specialisti" che sostituivano i candidati.

Al centro del giro di corruzione, secondo l'accusa, una società di lucro per l'ammissione ai college fondata nel 2007, con sede in California e nota come "The Key" (La chiave, ndr). Tra gli accusati, Lori Loughlin, tra le protagoniste della sitcom "Fuller House", un designer di moda e un avvocato di fama.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE