Europee: candidata albanese contro Salvini, insulti sul web - Europee 2019

Bruno Cirelli
Mag 14, 2019

Geri Ballo, evidentemente, ha il profilo adatto per piacere a sinistra: immigrata, albanese, ostile ai leghisti, pronta a recitare il ruolo di anti-Salvini, che compare praticamente in ogni sua dichiarazione.

La giovane sottolinea, commentando anche le notizie della chiusura di diverse pagine italiane da parte di Facebook, che "se esistono pagine ad hoc qualcuno ne fa un mestiere: stanno cercando di manipolare le persone usando l'odio come strumento".

La Ballo è nata a Tirana.

L'altro pilastro della candidatura della Ballo è proprio l'Europa, di cui si trovano tracce evidenti nella sua biografia: oltre alla specializzazioni in Politiche europee, per 6 anni ha seguito la carriera diplomatica all'Ambasciata albanese in Italia. Prima, in origine, c'erano i meridionali. Mia nonna, molto cattolica, andava in Chiesa di nascosto perchè con il regime non si poteva. 'Si nota subito che sei una repressa albanese'. "Chi diventa italiano passo dopo passo, e io lo sono da qualche anno, ha una consapevolezza dei diritti e dei doveri più profonda. E' la storia della cultura del Sud che parla tutta contro Salvini, è la storia di un Mezzogiorno che deve essere raccontato nei termini giusti". "Sono un esempio perfetto di integrazione". Gramsci aveva origini arbereshe, come Costantino Mortati.

E a chi, dal web, la accusa per essersi candidata col Pd pur venendo da un Paese che ha subito un regime comunista replica: "Io vengo da un Paese che ha sofferto il regime, mio nonno è stato in carcere, mia madre non ha potuto studiare: sento sulla mia pelle l'aspetto del totalitarismo e credo che quel regime non abbia nulla a che fare con gli ideali di uguaglianza, libertà, sostegno allo stato sociale del socialismo democratico". Ho chiaro cosa vuol dire stare dietro i muri. "Non lo possiamo accettare".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE