Corea Nord: agenzie Onu, rischi di grave crisi alimentare

Bruno Cirelli
Mag 6, 2019

Il 4 maggio, la Corea del Sud ha reso noto che lo stesso giorno la Corea del Nord ha lanciato diversi "proiettili" a breve raggio, di tipologia sconosciuta.

Sparare un missile a corto raggio non violerebbe la promessa della Corea del Nord di non testare missili nucleari o a lungo raggio.

Si tratta di uno dei primi lanci registrati dopo l'incontro il leader nordcoreano e Donald Trump.

"È un'espressione della frustrazione del Nord per i colloqui in stallo con gli Stati Uniti".

Al di là delle dichiarazioni di rito, quelle secondo cui tutti lavorano per raggiungere maggiore stabilità e armonia, l'ufficializzazione della presenza politico-diplomatica russa è piuttosto importante perché giocata di sponda con la Cina, verso cui Mosca sta slittando. I due si sono incontrati due volte negli ultimi mesi anche se il secondo summit si è concluso con un clamoroso nulla di fatto terminato con la partenza di Kim che non ha partecipato neanche alla conferenza stampa congiunta fissata per la fine del vertice.

Attualmente la Corea del Nord non ha rilasciato notizie in merito. Kim, lo scorso 17 aprile ha annunciato di aver supervisionato il test di "una nuova arma tattica", definendo l'evento "di grande importanza".

"La mia paura è che siamo agli stadi iniziali di una scivolata ai giorni delle minacce di guerra nucleare e degli insulti personali, un ciclo pericoloso di tensioni spinose che devono essere evitate a tutti i costi", ha detto Harry Kazianis al Centro per "il Interesse nazionale, un think tank".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE