Urbano Cairo su causa Blackstone: "Aspetto notifica che non ho ancora ricevuto"

Paterniano Del Favero
Mag 4, 2019

La cedola tornata dopo 10 anni a remunerare gli azionisti dopo 10 di 0,06 euro per azione. L'assemblea ha rinnovato il... "Il nostro", ha ribadito a margine dell'assemblea, - era un atto dovuto dopo la due diligence (sulla vendita dell'immobile di via Solferino, ndr), per il resto non posso commentare". Quando fu decisa l'operazione, ha ricordato Cairo, "ero un semplice azionista di Rcs con il 2,7% e scrissi una lettera al presidente di allora, Angelo Provasoli, chiedendo lumi, perché ritenevo che la vendita fosse stata fatta a un prezzo più basso del valore dell'immobile".

I fatti risalgono al 2013 e riguardano la vendita della storica sede milanese di RCS a Blackstone per 120 milioni di euro, una cifra che Cairo, a capo del gruppo editoriale dal 2016, ha ritenuto successivamente troppo bassa e dettata dal momento di difficoltà che stava vivendo l'azienda. Com'è possibile? Secondo quanto ricostruito dal Foglio, l'atto è stato depositato presso la Corte suprema di New York il 22 aprile, vale a dire due giorni prima che il giudice dello stesso tribunale - Saliann Scarpulla - si pronunciasse sul primo ricorso di Blackstone rimettendo il caso nelle mani dell'arbitrato italiano e riservandosi di tornare in campo solo nell'eventualità in cui questo facesse un passo indietro per motivi di incompetenza territoriale. E anche Cairo, assistito dall'avvocato Sergio Erede, sembra deciso ad andare fino in fondo: "Non ci sono contatti avviati, c'è un arbitrato che sta andando avanti", ha precisato ieri, noncurante del peso che un contenzioso di queste dimensioni potrebbe avere, oltre che sulle sue società, anche sul profilo di uomo pubblico che Cairo sta minuziosamente costruendosi.

Lo scorso novembre Rcs è ricorsa a un arbitrato, che si è costituito il 15 aprile, per chiedere l'annullamento della vendita. Poi ha aggiunto "faremo investimenti per crescere ulteriormente". E, come riporta Reuters, ha detto: "La Spagna per noi è assolutamente strategica. Oggi a noi manca un catalogo per l'attività libraria, che rappresenta una quota di fatturato importante: se ci saranno opportunità le guarderemo". Glissa, poi, sull'ipotesi Nave di Teseo: "Non ne abbiamo mai parlato".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE