Anche per l’Italia stop alle esenzioni Usa all’import di petrolio dall’Iran

Paterniano Del Favero
Aprile 22, 2019

Il governo statunitense di Donald Trump non rinnoverà le esenzioni concesse a otto paesi per continuare a importare petrolio dall'Iran. Lo ha annunciato la Casa bianca, spiegando che la decisione "mira ad azzerare l'export di petrolio iraniano, negando al regime la sua principale fonte di entrate". Allo stesso tempo per alcuni Paesi (Cina, India, Italia, Grecia, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Turchia) gli Stati avevano concesso deroghe temporanee grazie a cui era concesso l'acquisto di quantità limitate di petrolio iraniano per un certo periodo. Annunciando lo stop alle esenzioni la Casa Bianca ha inoltre sottolineato che "Usa, Arabia Saudita ed Emirati Arabi, tre dei piu' grandi produttori di energia, insieme ai loro amici ed alleati, sono impegnati ad assicurare che i mercati globali del petrolio restino forniti in modo adeguato".

L'anno scorso gli Stati Uniti si erano ritirati unilateralmente dall'accordo sul programma nucleare iraniano ed avevano ripristinato unilateralmente le sanzioni contro Teheran.

Dopo l'annuncio il prezzo del petrolio è schizzato ai massimi di oltre cinque mesi: le quotazioni del greggio a New York salgono del 2,23% a 65,43 dollari al barile. Pechino si dice contraria a "sanzioni unilaterali e alla giurisdizione ad ampio raggio", sono le parole del portavoce del ministero degli Esteri, per il quale gli accordi siglati da Pechino con Teheran sono "ragionevoli e legittimi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE