Addio a Massimo Marino, dalle TV romane al film con Verdone

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 20, 2019

L'animatore delle notti romane si è spento all'età di 59 anni stroncato da un male incurabile.

Un'anima meravigliosa ci ha lasciato. Il suo spirito ora è finalmente in pace.

Massimo Marino era noto al pubblico delle televisioni locali romane per il suo rotocalco Viviroma, con il quale andava nelle discoteche e nei locali romani a presentare proprietari, gestori, modelle e spogliarelliste.

Romano del Tufello, Massimo Marino, era riuscito con simpatia e originalità ad imporsi all'attenzione con la rivista free press ViviRoma Magazine. Venerdì è morto Massimo Marino e a darne notizia con un post pieno di amore e commozione è stata la "compagna di vita" Miria. E Miria scrive ancora: "So che avrebbe voluto un epilogo leggero come nel suo stile di persona solare e positiva e quindi mi sento di chiudere con uno dei suoi slogan più conosciuti: bella fratè, enjoy!". Tante le sue frasi cult riprese dai fan che col tempo si sono trasformate in dei veri e propri tormentoni come il saluto prima del lancio della pubblicità "A frappè" o anche il sempreverde "Bella fratè". Nel 2008 ha esordito nel cinema nel film "Grande, grosso e. Verdone", cui sono seguiti "Un'estate al mare" (2008), "A Natale mi sposo" (2010), "Una cella in due" e "Matrimonio a Parigi" (2011). È stato ospite di Simona Ventura ne La Grande notte del lunedì. E' stato candidato diverse volte al Comune di Roma ed alla Regione Lazio. Come nel 2005, quando fu tra i candidati della lista Consumatori Uniti per Marrazzo raccogliendo 1.777 voti.

Una lunga carriera quella di Marino che in passato ha anche provato a costruirsi uno spazio in politica, candidandosi sia alle elezioni regionale sia a quelle comunali, sostenendo i nomi di Rutelli e di Veltroni. Dopo una battaglia senza tregua, affrontata da vero guerriero, Massimo ha abbandonato questa vita terrena. Alle ultime comunali aveva invece appoggiato Alfio Marchini.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE