L'industria riparte, a febbraio produzione torna a crescere (Report)

Paterniano Del Favero
Aprile 12, 2019

L'ultimo indice anticipatore dell'Istat l'aveva in qualche modo auspicato: c'è in atto un rallentamento della contrazione economica che potrebbe trasformarsi in un trend rialzista. E' presto per dire che si tratti di una correzione di rotta, ma a livello di produzione industriale l'Italia rialza la testa.

Su base annua, invece, la produzione industriale della zona euro ha registrato un -0,3% che ha fatto i conti con il precedente -0,7%.

Progresso che sarebbe stato decisamente superiore senza il freno dell'auto, ancora una volta in calo pesante: la produzione italiana di autoveicoli a febbraio è infatti diminuita del 10% rispetto allo stesso mese del 2018, nella media dei primi due mesi dell'anno la flessione tendenziale è del 13,8%.

Nella propria nota di commento, l'Istat ricorda che il risultato indica la seconda variazione congiunturale positiva dopo quattro mesi consecutivi di cali relativi all'ultima parte del 2018, registrando una modesta dinamica espansiva da attribuire al buon risultato ottenuto dai beni di consumo e, in misura inferiore, a quello dei beni strumentali.

La produzione industriale cresce a febbraio 2019 dello 0,8% dopo l'incremento dell'1,7% di gennaio e, per la prima volta da ottobre, aumenta anche su base annua.

Rispetto a gennaio, i segni più sono diffusi a quasi tutti i gruppi di industrie, dai beni di consumo (+3,2%) a quelli strumentali (+1,1%) e intermedi (+0,2%) con la sola eccezione dell'energia (-2,4%). Le flessioni più ampie si registrano nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-13,9%), nell'industria del legno, della carta e stampa (-5,4%) e nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-2,8%). La redazione posta alcune notizie quotidianamente, senza alcuna cadenza fissa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE