Julian Assange arrestato a Londra nell'ambasciata dell'Ecuador

Bruno Cirelli
Aprile 11, 2019

La scorsa settimana Wikileaks aveva lanciato l'allarme su un imminente arresto di Assange e aveva accusato il presidente Moreno di avere ormai deciso di liberarsi di lui, imputandogli come scusa presunte violazioni degli impegni presi in cambio della concessione dell'asilo.

Assange è stato arrestato dalla polizia britannica sia per la mancata comparizione dinanzi a un giudice del Regno nel 2012, sia sulla base di una "richiesta di estradizione degli Usa".

Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange è stato arrestato all'ambasciata dell'Ecuador a Londra dopo che Quito gli ha revocato l'asilo.

Per quanto riguarda la Svezia il mandato di arresto e le accuse sono state ritirate. "Julian Assange, 7 anni dopo essere entrato nell'ambasciata ecuadoriana, è ora sotto custodia della polizia per affrontare debitamente la giustizia del Regno Unito", ha detto il ministro dell'Interno britannico Sajid Javid, confermando la notizia dell'arresto data da Scotland Yard. Al momento dell'arresto aveva in mano un libro di Gore Vidal. Ci sono paure diffuse sul fatto che Assange verrà estradato negli Stati Uniti. e potrebbe essere condannato a morte.

Secondo il presidente ecuadoriano Lenin Moreno, Assange avrebbe commesso numerose violazioni delle convenzioni internazionali sull'asilo. L'organizzazione twitta una foto del suo fondatore e scrive: "è un figlio, un padre, un fratello". Ha vinto decine di premi di giornalismo ed è stato nominato per il Nobel per la pace dal 2010. Lo annuncia Scotland Yard.

Descrivendo la scoperta come "nuova e inaspettata", il redattore capo del portale Wikileaks, Kristinn Hrafnsson, ha denunciato oggi in conferenza stampa la scoperta di una vasta operazione di spionaggio contro il suo fondatore, Julian Assange, con l'obiettivo di fabbricare l'estradizione dell'attivista. "Ma attori potenti, inclusa la Cia, sono impegnati per disumanizzarlo, delegittimarlo e imprigionarlo".

Nel corso degli anni, Wikileaks ha pubblicato materiale trafugato dal dipartimento di stato americano, oltre che documenti derivanti dall'hackeraggio dei computer della Cia e le celebri email del Partito democratico americano, ottenute da hacker russi. "Le immagini dell'ambasciatore dell'Ecuador che invita i servizi britannici nell'ambasciata per trascinare via un giornalista vincitore di premi fuori dall'edificio finiranno nei libri di storia". E ancora: "La mano della democrazia strangola la gola della libertà", ha scritto lapidaria su Facebook.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE