Salvini: "Flat tax? Ragioniamo su quota 50mila euro"

Paterniano Del Favero
Aprile 10, 2019

E la sostanza è che si rispetti l'impegno preso con gli italiani.

"Io sono soddisfatto di ciò che abbiamo fatto in 10 mesi di governo".

La lite infuria, su tutto, da quota 100 alle alleanze in Europa, fino al ruolo di Tria sulla pressione fiscale, con Salvini che arriva a minacciare la crisi quando chiede l'applicazione del contratto di governo e il punto a lui più caro, la Flat Tax, che doveva arrivare subito dopo il Reddito di cittadinanza targato Cinque Stelle. "L'importante è fare, è giusto parlare poi bisogna fare".

Invito che non è ovviamente piaciuto ai pentastellati, che hanno a loro volta invitato il ministro dell'Interno a passare meno tempo sui social. La soluzione che si profila è semplice, la Flat tax sì, ma in cambio più tasse. "Dobbiamo entrare nelle case degli italiani e abbassare le tasse".

Nessun spostamento al centro però, l'intenzione del leader della Lega lanciata ieri è allargare il perimetro del network che ha costruito con Marine Le Pen, Heinz-Christian Strache, Geert Wilders nella lunga traversata di questi cinque anni di opposizione alla Commissione Juncker. "L'obiettivo è di coinvolgere in questo percorso di vantaggio famiglie e lavoratori dipendenti".

Di Maio: "Sarò garante". Un punto sul quale Di Maio concorda con Matteo Salvini, il collega vicepremier con il quale ha avuto momenti di scontro negli ultimi giorni. "Ne parla il contratto e sarà uno dei punti che occorrerà raggiungere, associandovi, a mio parere, comunque un principio di proporzionalità per fare in modo che il beneficio stesso sia distribuito con criterio verso le famiglie e il ceto medio".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE