Flat Tax della discordia, sale la tensione tra Lega e 5Stelle

Paterniano Del Favero
Aprile 8, 2019

Lo ha detto il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, durante la conferenza "Verso l'Europa del buonsenso", a Milano, tornando sulla polemica con i Cinquestelle sulla flat tax. "Ma più treni viaggiano più pulita è l'aria".

Il tema flat tax.

"La flat tax è una nostra priorità ed è nel programma di Governo". E rilancia anche sulle misure economiche da inserire nel Def. Tra queste, il leader della Lega prevede anche la riduzione fiscale, come da contratto di governo: "La riduzione fiscale - dice Salvini - deve essere inserita nel Def. Anche la fat tax lo è". L'Italia è vista come un modello anche dal danese Anders Vistisen, Dansk Folkeparti: "Se non fosse per Salvini che ha chiuso i porti alle Ong e Orban che ha chiuso i confini esterni, in Europa non ci sarebbe stato un calo degli arrivi degli immigrati irregolari". Il M5S richiama la mini-flat tax, quella partita il primo gennaio 2019 per le Partite Iva fino a 65mila euro, per rilanciare il concetto che "non deve arricchire i ricchi ma aiutare il ceto medio e le piccole imprese". Ribadiamo: noi siamo sempre stati leali al contratto, chi lo è stato meno è la Lega. Chi ha iniziato a spingere sulla castrazione chimica è stata la Lega, chi parla di leva obbligatoria è la Lega, chi presenta una legge per la libera circolazione delle armi è la Lega. Un parlamentare M5S liquida il discorso con concetti molto chiari: "Prima di tutto è una questione di coerenza e di rispetto della parola data". Mentre dal Pd Nicola Zingaretti accusa il governo di "bloccare" il Paese e chiede ai due vicepremier di dimettersi. Chi è cristiano e cattolico sa che è un dono di Dio.

Sui campi rom, Di Maio ha affermato: "Al netto della condanna totale" del pane calpestato "noi rileviamo tensioni sociali dove ci sono i campi i Rom. I campi Rom vanno chiusi e non possiamo dire ai sindaci d'Italia occupatevene voi con le vostre risorse". Altre fonti aggiungono: "Di Maio non sta facendo propaganda ma sta mettendo i puntini sulle i rispondendo in modo responsabile alle sparate di Salvini, ma sempre parlando nel merito e di contenuti". "Se incontrerei di nuovo i gilet gialli?" Non è ben chiaro che film abbia visto Scanzi. "È come noi rispettiamo e approviamo quello che c'è nel contratto e che magari non è nel Dna della Lega, e penso al reddito di cittadinanza, altrettanto rispetto sul tema fiscale lo pretendiamo dagli altri". "Ora è un momento di fare i fatti, l'Italia non ha bisogno di scontri ideologici".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE