Bohemian Rhapsody è stato pesantemente censurato in Cina

Ausiliatrice Cristiano
Marzo 28, 2019

IndieWire riporta che è stata addirittura censurata, togliendo l'audio, la scena in cui il cantante rivela al resto della band di essere malato di AIDS.

I giornalisti riferiscono che diversi minuti sono stati tagliati includendo le scene di due uomini che si baciano e quando viene pronunciata la parola "gay". "Probabilmente sono le persone più conservatrici della Cina, per questo motivo sono stati scelti per fare questo lavoro".

Tale versione limitata ha però previsto il taglio di tutte le scene con dei riferimenti alla comunità LGBT, ottenendo così un film fastidiosamente incompleto e con degli enormi buchi nella trama.

Secondo l'Hollywood Reporter, la Cina avrebbe permesso l'uscita di Bohemian Rhapsody solo ed esclusivamente perché il film ha riscosso un successo globale e dunque il paese non poteva rimanerne fuori, considerando anche la vittoria di Rami Malek agli Oscar.

Bohemian Rhapsody, il film dedicato alla carriera dei Queen, sta registrando una buona affluenza nelle sale cinematografiche cinesi.

Nonostante l'omosessualità in Cina non venga sanzionata a livello legale, le autorità locali si sono sempre battute per cancellare e censurare qualsiasi riferimento alle tematiche riguardanti la sessualità trasmesse dai media: va ricordato anche che l'emittente cinese Mango TV è stata duramente criticata dal governo centrale di Pechino per il fatto di aver trasmesso integralmente il discorso fatto dall'attore Rami Malek dopo la sua premiazione alla Notte degli Oscar, in cui è stato premiato con la statuetta come miglior attore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE