Tirreno-Adriatico, sorpasso di Primoz Roglic nell’ultima tappa

Rufina Vignone
Marzo 21, 2019

La 54ª edizione della Tirreno-Adriatico si decide in dieci chilometri: l'ultima tappa prevede una prova a cronometro individuale, nella quale Adam Yates deve difendere il primo posto nella classifica generale dagli attacchi di Primoz Roglic. Una sfida incredibilmente emozionante, che ha riservato un finale thrilling, creando grande suspence e introducendo - come di consueto - a un'altra gara organizzata da Rcs Sport-La Gazzetta dello Sport: la Milano-Sanremo, che quest'anno taglia il traguardo delle 110 edizioni.

Il tempo migliore l'ha fatto segnare però il campione europeo Victor Campenaerts, che in questo inizio di stagione ha corso pochissimo perché sta preparando l'imminente assalto al record dell'ora.

Roglic ha costruito il successo sin dalla cronosquadre d'apertura della Tirreno-Adriatico, conclusa dal Team Jumbo-Visma al secondo posto. Il britannico della Mitchelton-SCOTT ha un vantaggio di 25 secondi, ma lo sloveno è in piena corsa per la vittoria finale date le sue qualità di cronoman.

Dalla "Tirreno" escono bene anche Jakob Fuglsang, terzo nella classifica generale, e l'olandese Tom Dumoulin, quinto.

Sul palco delle premiazioni si è poi vissuto un momento di imbarazzo per un incredibile errore dell'organizzazione: al vincitore è stata portata la maglia azzurra con impressi i nomi degli sponsor della squadra di Yates.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE