Paris Jackson, figlia di Michael, nega tentativo suicidio: "Bugiardi"

Bruno Cirelli
Marzo 17, 2019

Almeno secondo Tmz, il celebre sito di gossip statunitense, che ha lanciato l'inscrezione ripresa in Italia da Repubblica: il gesto estremo compiuto da Paris il 16 marzo sarebbe, si legge, direttamente collegato alle conseguenze legate alla diffusione del documentario "Leaving Neverland" e alle accuse di pedofilia e abusi sessuali rivolte a Michael Jackson, deceduto nel 2009. Trasportata in ospedale, i medici sarebbero riusciti a stabilizzare le sue condizioni di salute.

La figlia 21enne di Michael Jackson, Paris, è stata ricoverata dopo aver tentato di torgliersi la vita. Paris Jackson avrebbe tentato di uccidersi tagliandosi le vene. Si interessa anche di beneficienza, nel 2017, infatti, ha visitato il Malawi, con la fondazione della madrina Lizy Taylor per la lotta contro l'AIDS. E se la notizia riportata dal sito fosse vera, non sarebbe la prima volta per Paris che già aveva tentato il suicidio nel 2013.

Due uomini, Wade Robson e James Safechuck parlano delle molestie che avrebbero subito da parte della Star quando erano bambini e di come non siano stati le sole vittime. Alcune emittenti radio in Canada e in Nuova Zelanda ad esempio hanno messo al bando la musica di Jackson, mentre i Simpson hanno ritirato dalla distribuzione un episodio iconico del cartone animato in cui il cantante dava la voce a un personaggio. I fan le hanno inviato diversi messaggi di incoraggiamento, sottolineando come non siano affari della stampa ma esclusivamente suoi e sincerandosi della sua salute, l'unica cosa importante in questo momento.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE