David Bowie, biografia svela: "Suicidio assistito, non diremo chi l’ha aiutato"

Ausiliatrice Cristiano
Marzo 16, 2019

David Bowie avrebbe pianificato la propria morte in ogni dettaglio, scegliendo il suicidio assistito.

In una intervista radiofonica alla BBC, la donna ha raccontato gli ultimi giorni di vita di David Bowie: "Voleva proteggere i membri della sua famiglia e la loro privacy". La rivelazione arriva dalla giornalista inglese e biografa della popstar Lesley-Ann Jones, che lo ha seguito negli ultimi anni di vita segnati dalla lunga malattia. Ma Hutchinson, allora adolescente e aspirante musicista, non si è lasciato impressionare da ciò che ha sentito.

Nello stato di New York, dove Bowie è morto, la procedura di suicidio assistito non è consentita e quindi chiunque abbia aiutato il cantante a morire potrebbe essere perseguito legalmente.

È stato venduto all'asta per la bellezza di oltre 50mila sterline, ovvero circa 60mila euro. La demo della canzone, contenuta nell'album "The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars" del 1972, è stata ritrovata in un vecchio magazzino quasi 50 anni dopo l'uscita del disco. Nella demo sente il Duca Bianco che rivolgendosi al chitarrista Mick Ronson rivela di non aver terminato la canzone.

David Bowie, aveva girato il suo primo grande successo nel 1969 con Space Oddity, raggiungendo il numero cinque in classifica. Per questo motivo tutto tace, mentre la famiglia non ha rilasciato dichiarazioni sulle parole della Jones. Un documentario su Bowie convinse l'uomo a cercare il nastro e venderlo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE