Felicity Huffman in manette: arrestata per mazzette la star di "Desperate Housewives"

Ausiliatrice Cristiano
Marzo 14, 2019

Stanford, Yale, Georgetown e l'altrettanto prestigiosa University of Texas sono tutte cadute nel tranello dei test standard nazionali per la selezione delle matricole truccati dietro pagamento da parte di genitori ricchi sfondati: l'unica discriminante infallibile per gli ingressi in una comunità accademica, per quanto appaia controintuitivo, è il colloquio di persona con le aspiranti matricole vagliato dal giudizio arbitrario dei docenti, che sapranno cosa vogliono.

Vip e celebrities pagavano allenatori di football, tennis, calcio e pallavolo per reclutare i loro figli come atleti, anche se non avevano alcuna capacità sportiva. L'indagine però non è ancora conclusa e la 'plateà potrebbe allargarsi.

Sul piccolo schermo aveva tanti figli ed era sempre in conflitto tra il suo essere mamma e il suo essere donna in carriera, ma ora Felicity Huffman, famosa per il suo ruolo nella serie tv "Desperate Housewives" è una donna in manette. L'attrice di 'Casalinghe disperate' è stata arrestata.

Felicity Huffman e il marito William H. Macy sarebbero stati intercettati mentre discutono al telefono di una "donazione" da 15mila dollari per facilitare la candidatura della figlia maggiore, Sophia.

Lori Loughlin e il marito, il fashion designer Mossimo Giannulli, avrebbero invece pagato 500mila dollari per far inserire le due figlie, Isabella Rose e la youtuber Olivia Jade, in una squadra della USC e facilitarne in questo modo l'ammissione al college, senza che poi avessero mai partecipato ad alcuna attività sportiva.

Il perno dell'operazione sarebbe costituito da William Singer, responsabile di un servizio di consulenza, che avrebbe incassato circa 25 milioni di dollari tra il 2011 e il 2018: a pagare, i genitori ansiosi di far entrare i propri figli negli atenei più illustri del paese.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE