Miriana Trevisan: ‘Il mio poster in camera di Salvini? Sono schifata’

Ausiliatrice Cristiano
Marzo 13, 2019

Tuttavia, lei si era detta in passato "schifata" da questo accostamento e oggi, a distanza di diverso tempo, conferma tutto: "Non ho nulla da aggiungere. Vabbè, fa niente". Così diceva il vicepremier Matteo Salvini sabato alla sua festa di compleanno e ora la diretta interessata, Miriana Trevisan, ha commentato questa affermazione in un'intervista al Corriere della Sera. Intervistata da Candida Morvillo, la Trevisan ha dichiarato: "Perché no?"

In realtà, la sua ammirazione per Miriana Trevisan il ministro dell'Interno l'aveva già palesata alcuni anni fa, nel 2014, ricevendo già a quei tempi una risposta scostante dalla showgirl. Ne aveva parlato lui alla radio.

Come molti altri volti noti del mondo dello spettacolo italiano, che hanno dichiarato apertamente il loro orientamento politico, anche Miriana Trevisan dice la sua su Matteo Salvini. "Ho rifiutato l'intervista. Ho mandato una mail, non mi ricordo neanche che ho scritto". Non apprezzo le persone che istigano alla violenza e lui fa una propaganda troppo forte. Salvini un bell'uomo? "E' una cosa che mi fa sorridere", ironizza ancora la ex ragazzina di Non è la Rai. Sugli immigrati, poi, la Trevisan dice di riconoscere tutti gli altri "come esseri umani". Il leader della Lega ha affermato che da giovane, in camera, aveva tre poster: quello di Franco Baresi, quello di Umberto Bossi e quello di Miriana Trevisan, appunto, showgirl di successo resa celebre dalla sua collaborazione con Mike Bongiorno all'inizio degli anni Novanta. "Né si dovrebbe creare emarginazione, alimentare la paura o istigare la rabbia". Secondo me è un signorotto. "Simpatico" però si, visto che ammette di averlo incontrato a delle feste, ma comunque "niente di che". "Poi, capisco, c'è il fascino del potere...". Ci siamo salutati, ciao, ciao.

"Per me, il potere è essere integri, avere onestà e un senso di giustizia molto alto". Non mi ha fatto complimenti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE