Air Italy annuncia: "Voli da Olbia senza compensazione"

Paterniano Del Favero
Marzo 13, 2019

Dopo l'incidente che ha coinvolto un Boeing 737 Max dell'Ethiopian Airlines, Cina, Etiopia, Indonesia e Mongolia hanno scelto di fermare i Boeing 737 Max. Esprimiamo apprezzamento per l'assessore regionale ai Trasporti Carlo Careddu per il ruolo svolto, un merito riconosciuto anche dall'amministratore di Air Italy, Dimitrov. LAnp ha "richiesto all'Ente Nazionale dell'Aviazione Civile (Enac) di intervenire su tutte le compagnie italiane che hanno in uso questa tipologia di aeromobile, mettendo a terra le macchine e facendo i controlli necessari".

"Air Italy ha il piacere di annunciare che, dopo una approfondita valutazione, ha deciso di presentare ufficialmente l'accettazione degli oneri di servizio pubblico per volare sulle due rotte da Olbia senza compensazione finanziaria - si legge in una nota della compagnia - Nonostante la Compagnia abbia cercato il supporto da più parti, l'esito è stato una serie di promesse vuote e prive di risultati. Air Italy continuerà a dialogare costantemente con le autorità e con Boeing in relazione al B737 Max 8 e seguirà tutte le direttive per continuare a garantire il massimo livello di sicurezza e protezione per i nostri passeggeri e l'equipaggio".

In Europa l'agenzia europea per la sicurezza aerea ha detto che sta "monitorando da vicino" il quadro, ma che "è ancora troppo presto per fornire indicazioni alle compagnie europee, o per agire".

Codacons, intanto, ha presentato una diffida all'Enac. Chiede di "bloccare in modo categorico tutti i decolli dei Boeing 737 Max dagli scali italiani e di avviare verifiche urgenti circa la formazione dei piloti, con particolare riferimento alla compagnia Air Italy".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE