Morto il conduttore Rai Gabriele La Porta

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 21, 2019

L'Amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, e il Presidente, Marcello Foa, hanno espresso il proprio cordoglio per la scomparsa di Gabriele La Porta, storico giornalista e conduttore Rai. A dare l'annuncio è stato il figlio Michele, precisando che il padre si è spento il 19 febbraio scorso.

La Porta è stato direttore del palinsesto di Rai Notte dal 1996 al 2010. Dei miei baci. Delle mie carezze. Nel 1994 è stato nominato direttore di Rai Due, incarico che ha ricoperto per un anno e mezzo e nel settembre 1996 è diventato direttore del palinsesto di Rai Notte, che ha diretto ininterrottamente per 14 anni direttore, lasciando l'azienda radiotelevisiva pubblica nel 2010. Un giorno verrò a trovarti. E conclude: "Ciao papà, riposa la tua anima".

Nato a Roma il 5 maggio 1945, Gabriele La Porta si laurea in filosofia con il massimo dei voti all'Università di Roma 'La Sapienza', occupandosi di Giordano Bruno, curando e traducendo alcune opere del filosofo di Nola, il "De umbris idearum" (1976) e il "Cantus Circaeus" (1977), portando a compimento i suoi studi sul filosofo arso sul rogo con il libro "Giordano Bruno". Volto noto della Rai, in cui ha lavorato per ben 42 anni, era un grande tifoso della Lazio, che seguiva ogni volta che poteva con grande passione. "Nell'apprenderlo mi rendo conto che non ero al corrente del suo stato di salute e nemmeno di cosa si occupasse attualmente". Nel suo post pubblicato su Facebook il conduttore ha aggiunto: "La sua signorilità e la sua intelligenza andavano di pari passo con la sua cultura ed una grande voglia di sperimentare".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE