Industria, crolla il fatturato

Paterniano Del Favero
Febbraio 21, 2019

Secondo l'Istat, che ha diffuso i dati, nell'ultimo mese dello scorso anno il fatturato dell'industria è diminuito in termini congiunturali del 3,5 per cento. A innestare la retromarcia a dicembre è stato sia il mercato interno (-2,7%) che, in misura più accentuata, quello estero. Analizzando i principali raggruppamenti di industrie, la flessione risulta generalizzata: -1,8% i beni di consumo, -5,5% i beni strumentali, -1,7% i beni intermedi e -9,7% l'energia. Nel quarto trimestre del 2018, infatti, l'indice complessivo ha registrato un calo dell'1,6 per cento rispetto al trimestre precedente. I cali tendenziali hanno interessato in maniera particolare anche l'industria farmaceutica (-13,0%) e l'industria chimica (-8,5%).

Molto male anche gli ordinativi: -5,3% su base annua, - 1,8% sul mese precedente, a causa delle perdite subite nel mercato estero.

Non è andata meglio su base annua, dove il fatturato italiano è crollato del 7,3% (minimo 2009) e ha fatto i conti con le previsioni a +4,4% e con il precedente +0,5%. Anche sul ribasso tendenziale pesa soprattutto la cattiva perfomance registrata fuori confine.

Industria, rallenta la crescita del fatturato. A crescere è il solo comparto dei macchinari e attrezzature (+5,4%), mentre la diminuzione più marcata si rileva per l'industria delle apparecchiature elettriche (-21,4%). A dicembre 2018 si stima che il fatturato dell'industria diminuisca in termini congiunturali del 3,5%.

Ripercorrendo gli ultimi dodici mesi, l'Istituto di statistica fa notare come il fatturato nel corso dell'anno abbia "mostrato un andamento tendenziale stabile nei primi nove mesi, con un peggioramento nell'ultimo trimestre".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE