Giulio Brogi, morto l'attore di Montalbano e dell'Eneide

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 20, 2019

L'attore si è spento oggi all'Ospedale Sacro Cuore di Negrar in Veneto. Divenne famoso in tv interpretando Enea nella storica Eneide del 1971 di Franco Rossi.

I dieci milioni di spettatori che lunedì 18 febbraio si sono sintonizzati su Rai1 per seguire Il commissario Montalbano, mai avrebbero immaginato che 24 ore dopo sarebbe arrivata la notizie della morte dell'attore Giulio Brogi, che nell'episodio "Un diario del '43" è apparso nei panni dell'anziano frate Carlo Colussi. Ad annunciare la sua scomparsa è il quotidiano "L'Arena" di Verona, città dove Brogi era nato il 13 maggio del 1935. Aveva 83 anni. Ad annunciarlo i suoi agenti dello studio Alimena. Era un attore prolifico di cinema, televisione e teatro.

Dall'inizio degli anni Sessanta ha frequentato il Piccolo Teatro di Milano e gli Stabili di Genova, Trieste, Torino, interpretando i classici (Goldoni, Euripide, Shakespeare, Molière, Cechov, Schnitzler) per registi quali Strehler, Squarzina, Zeffirelli, Trionfo, Missiroli, Carriglio. Nella sua lunga carriera è stato diretto da grandi autori italiani, dai fratelli Taviani a Paolo Sorrentino, Cavani, Olmi e Bellocchio.

Ha proseguito nella sua attività cinematografica partecipando a numerosi film, fra i quali Il portaborse (1990) di Daniele Luchetti, Il segreto del bosco vecchio (1993) di Ermanno Olmi, Terra bruciata (1995) di Andres Pfaffli, La lingua del santo (2000) di Carlo Mazzacurati, Niente è come sembra (2007) di Franco Battiato. In tv sarà possibile rivederlo in 1994, la serie di Sky, nel ruolo di Muratori, amico del padre di Stefano Accorsi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE