Juventus, Nedved: "Avrò pace solo quando alzeremo la Champions"

Rufina Vignone
Febbraio 19, 2019

Non sono solo i trofei ad ossessionarlo, però. I bianconeri saranno impegnati mercoledì sera al Wanda Metropolitano per l'andata degli ottavi di finale contro l'Atletico Madrid e il vicepresidente Pavel Nedved - in un'intervista al Daily Telegraph - ha parlato dello speciale rapporto che lo lega a questa competizione. Poi potrò riposare in pace. "Volevo vincere come giocatore ma non ci sono riuscito: se riuscissimo a conquistarla mentre faccio parte del club sarebbe assolutamente meraviglioso, sarebbe un risultato notevole". E non è detto che ciò non sia un propellente per favorirne la vittoria.

"Posso dire che da calciatore era meno pesante, perché potevo concentrarmi sulla mia prestazione, su me stesso". "Sarà difficile batterlo, è molto determinato e l'Atletico riflette la sua personalità e il suo carattere". Lo conoscevamo bene come calciatore, ma ora lo conosciamo come uomo e siamo rimasti impressionati dalla sua personalità. C'è sempre stata una mentalità forte e vincente alla Juve, ma c'è qualcosa che ha portato e che ha influenzato il resto della squadra, che li ha colpiti e li ha resi ancora più fiduciosi. Non poteva mancare un accenno a Cristiano Ronaldo, il fuoriclasse acquistato dai bianconeri proprio per conquistare l'ambito trofeo europeo: "Lui è molto più di un semplice giocatore. Quando descrivo la Juventus, corrisponde esattamente a lui: Ronaldo è proprio un giocatore da Juventus.Ha la mentalità perfetta." .

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE