Non ce l'ha fatta Lorenzo Farinelli Mobilitò il web per curarsi

Bruno Cirelli
Febbraio 12, 2019

Il 34enene combatteva un linfoma non-Hodgkin a grandi cellule di tipo B, che dopo mesi di terapia si era rivelato essere chemio-resistente e purtroppo non era stati riscontrati più protocolli terapeutici standard che potessero salvargli la vita.

"Non è finita finché non è finita". ll suo appello sui social per raccogliere la somma necessaria ad andare in Usa per sottoporsi ad una terapia sperimentale con buone probabilità di successo era diventato virale e aveva permesso di raccogliere in pochi giorni la somma necessaria, 500 mila euro, e poi di superarla. Uno sforzo corale che ha certamente sostenuto Lorenzo e i suoi cari: purtroppo lui non ce l'ha fatta. Con pudore, ma coraggiosamente aveva parlato anche dei particolari del male e delle terapie: "Pian pianino ho cominciato a perdere l'autonomia, l'uso delle gambe parzialmente, la capacità di andare in bagno da solo".

In appena quattro giorni dal lancio della campagna di crowdfunding a suo favore, #salviamoLo, era stato raggiunto e abbondantemente superato l'obiettivo dei 500mila euro. Per sostenerlo i familiari, gli amici e la fidanzata di Lorenzo, avevano lanciato anche un sito web, SalviamoLo, in cui spiegavano tutti i modi per donare e dal quale avevano ringraziato i benefattori.

E per lui si era mobilitata tutta la città, ma anche vip che avevano rilanciato il suo appello. Avevano donato i suoi ex compagni di scuola, associazioni e gruppi, gli incassi di tornei di calcetto e di un presepio vivente, gli appassionati del Montelago Celtic Festival. E poi aveva chiesto aiuto per "l'unica possibilità concreta", quella negli Usa.

Lorenzo è morto a casa sua: era stato dimesso dall'ospedale dopo che la chemioterapia era stata interrotta per preparare il viaggio oltre oceano. "Potete darmi una mano? Perché io non voglio morire, voglio vivere, ho fatto delle promesse e voglio mantenerle", chiedeva Lollo con il volto segnato dalla malattia che, diceva, gli aveva preso tutto ciò che aveva, "spazzandolo via". Ora probabilmente il denaro raccolto sarà destinato alla ricerca.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE