Genoa, Kouame: "Un buon punto, ma potevamo vincere..."

Rufina Vignone
Febbraio 10, 2019

Al 37° tacco di Berardi per Lirola, che crossa dal fondo, girata di testa di Locatelli ma il portiere genoano è attento.

Sulla partita di Genova, aggiunge: "Sono soddisfatto della mentalità, del coraggio e dell'attenzione messa in campo dalla squadra". Obiettivo? Dobbiamo far bene con chi è rimasto.

Stefano Sensi ha preso ad allenarsi in differenziato, ma si spera che riuscirà a recuperare per questo fine-settimana. Siamo contenti per lui.

Sulle strategie degli avversari e sulla fase offensiva: "Conoscevamo le loro palle lunghe: con Lazovic e Kouame le provano tanto". Per questo abbiamo cambiato in corsa. Scamacca è un giocatore dal potenziale alto, ha 19 anni, quindi se dicessi che oggi vale Boateng non direi la verità o lo appesantirei di una responsabilità che non potrebbe sopportare. Si, manca sicuramente un po' di qualità nel servizio a chi deve andare a fare poi l'assist, nell'ultimo passaggio, la qualità di Berardi e Djuricic nella guida palla per favorire il terzino: queste sono le cose che balzano agli occhi.

Alla Dacia Arena anche Udinese e Fiorentina si dividono la posta in palio. Abbiamo concesso poco al Genoa, nonostante un campo non messo benissimo.

Come previsto, Cesare Prandelli si affida subito ai nuovi rinforzi del centrocampo: il serbo Radovanovic e il danese Lerager.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE