La città finisce sott'acqua, è allarme coccodrilli

Bruno Cirelli
Febbraio 7, 2019

La situazione più drammatica da questo punto di vista è nella città di Townsville, nel Queensland, nel nord est dell'Australia, una delle più colpite dalle inondazioni, dove i rettili hanno abbandonato il fiume Ross e si sono riversati nelle strade. Il ministro dell'ambiente dello stato del Queensland, Leeanne Enoch, ha avvertito i cittadini di fare attenzione a coccodrilli e serpenti, che in seguito all'alluvione potrebbero arrivare anche nei centri abitati, in cerca di riparo in attesa che la piena si ritiri.

Le forze della Difesa hanno consegnato 70mila sacchi di sabbia, dispiegato veicoli cargo e salvato decine di persone dai tetti delle case. Phil Staley, un altro residente di Townsville, ha diffuso su Twitter la foto di un coccodrillo sul tronco di un albero inclinato a pelo d'acqua. Nella città infatti solo nel corso dell'ultimo fine settimana è caduto oltre un metro e mezzo di pioggia che ha bloccato completamente ogni tipo di attività.

Le autorità sono state costrette domenica ad aprire una grande diga, liberando quelli che hanno definito "flussi d'acqua pericolosi ad alta velocità".

Il "Bureau of Meteorology", l'agenzia meteorologica australiana, ha fatto sapere che il peggio è passato ma che nei prossimi giorni ci potranno essere ancora piogge di media intensità. "E' la peggiore del secolo, senza precedenti, non abbiamo mai visto nulla di simile", ha detto Palaszczuk. Già sabato la polizia è andata casa per casa in molte località del Queensland per chiede ai residenti di lasciare le abitazioni, ma in molti sono rimasti e nelle ultime 24 ore i vigili del fuoco hanno ricevuto oltre 1.000 chiamate con richieste di soccorso.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE