Foto con la maschera del KKK, bufera sul governatore della Virginia

Bruno Cirelli
Febbraio 5, 2019

Il Partito repubblicano della Virginia ha chiesto le dimissioni del governatore: "Ciò che Ralph Northam ha fatto è imperdonabile: viste le sue dichiarazioni sul diritto alla vita e le ultime rivelazioni, ha perso l'autorità morale di continuare a governare e dovrebbe dimettersi immediatamente". La foto incriminata ritrae due uomini, uno con il volto truccato per sembrare un uomo di colore e uno mascherato con il cappuccio e la tunica del Ku Klux Klan. Una foto per la quale Northam chiede scusa, ammettendo inizialmente di essere uno dei due ragazzi nello scatto.

Il governatore della Virginia, Ralph Northam, si scusa per la foto "razzista e offensiva" contenuta nella pagina del suo annuario scolastico: una foto che non riflette la persona che il governatore e' oggi. "Mi dispiace profondamente. Non posso cambiare le decisioni che ho preso e non posso correggere oggi il danno causato dal mio comportamento di allora", ha detto Northam in un video messaggio pubblicato su Twitter. E per questo "continuerò a servire lo stato" dice respingendo il pressing bipartisan a fare un passo indietro e dimettersi.

Ha aggiunto di aver parlato con amici e familiari al telefono per scoprire se loro si ricordassero della fotografia o dei travestimenti: nessuno li ricordava e alcuni suoi compagni di corso gli hanno raccontato che anche in altre pagine dell'annuario c'erano fotografie che non corrispondevano al nome indicato. Poi ha detto ancora: "Ammetto che si tratta di una foto orribile sulla mia pagina" dell'annuario e "di questo mi prendo la responsabilità". "Sono pronto a guadagnarmi il vostro perdono". Se si dimettesse Northam sarebbe il primo governatore della Virginia a fare un passo indietro dai tempi della Guerra di Secessione. La Speaker della Camera, Nancy Pelosi, bollando la foto come "razzista e contraria ai valori americani", chiede al governatore di "fare la cosa giusta".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE