Ragazzo ricoverato per meningite dopo un convegno a Montecitorio

Barsaba Taglieri
Gennaio 29, 2019

Profilassi antimeningite a Montecitorio, pur essendo il rischio di contrarre l'infezione definito "basso" dalle autorità sanitarie, dopo che all'amministrazione della Camera dei deputati è giunta la comunicazione che all'evento svoltosi il 25 gennaio scorso presso la nuova Aula dei gruppi, in occasione del Giorno della Memoria - 'Trasmettere ed insegnare la Shoah è impossibile?' - "ha partecipato un ragazzo che successivamente è stato ricoverato per meningite meningococcica".

Caso di meningite in Valsugana: il paziente sta bene, i familiari sono stati sottoposti a profilassi.

Ma, come indicano i protocolli in materia, in via precauzionale tutti coloro che hanno partecipato all'evento sono stati invitati a seguire le misure di profilassi indicate dal ministero della Salute, che prevedono "l'assunzione di alcuni farmaci e l'attenzione all'eventuale comparsa di febbre e/o mal di testa persistente nei 10 giorni successivi alla partecipazione all'evento".

La comunicazione esclude la possibilità che i partecipanti possano a loro volta aver trasmesso l'eventuale infezione alle persone con cui sono entrate in contatto. Sono seguito dagli interventi del ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Marco Bussetti, del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, della presidente dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni.

"Il medico competente della Camera dei deputati", spiega il comunicato della Camera, firmato da Aldo Stevanin, consigliere Capo del Servizio per le competenze dei Parlamentari, "sarà comunque a disposizione per fornire ogni chiarimento ed informazione martedì 29 gennaio 2019, dalle ore 12 alle 16".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE