Tennis, Australian Open, Musetti: "Ho lavorato duro"

Rufina Vignone
Gennaio 28, 2019

Melbourne, 26 gen. - (AdnKronos) - Un tie break ad alta tensione, un match point annullato, il trionfo al quarto match point a favore.

Il successo di Lorenzo Musetti agli juniores degli Australian Open è nato in un circolo a conduzione familiare, con tre campi - due in terra battuta e uno in cemento indoor - una piccola palestra e uno spazio che fa da club house, segreteria e ristorante.

Niente Davis per lui, ma Thiem é ora infortunato ed ha bisogno di riposarsi, potrebbe giocare le fasi finali se la sua nazionale supererà il primo turno contro il Cile. "E' fantastico. Ho lavorato duramente per riuscire in questo risultato, ci speravo". Nella finale di Melbourne si è ritrovato sotto di un set (6-4), ma non si è arreso: nel secondo Musetti è passato in scioltezza (6-2), regalandosi la chance di giocarsi tutto al terzo. Come detto Musetti è il primo azzurrino che trionfa nello Slam Down Under junior. Nel campo giovanile i migliori successi a questa competizione risalgono al 2007 e al 2013, quando Thomas Fabbiano e Filippo Baldi arrivarono in semifinale. Per l'Italia si tratta dell'11esimo titolo junior in un Major su 18 finali giocate.

Nessun tennista italiano prima del 17enne toscano era riuscito in un'impresa simile: adesso che cosa gli riserverà il futuro? Insomma, la sensazione è che la favola sia appena iniziata.

Lorenzo Musetti nasce nel 2002 a Carrara, in Toscana, dove frequenta il liceo linguistico e si allena al centro tecnico di Tirrenia.

I successi nel circuito professionistico juniores non sono certo garanzia di futura gloria, ma lasciano ben sperare di fronte a un ragazzo come Lorenzo Musetti che sembra possedere tutte le stimmate del campione... "Non posso che ringraziare". "La finale a New York era arrivata un po' a sorpresa, mentre qui c'erano tante aspettative e non era facile confermarsi".

"Anzi addirittura fare meglio".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE